Wedding blog

Tu vuo’ fa’ l’americana… gli States insegnano, anche quando si parla di matrimonio

Giurarsi amore eterno al tramonto con il rumore delle onde che si infrangono, assoldare un’esperta wedding planner che organizzi le nozze dalla A alla Z, festeggiare con le amiche del cuore l’addio al nubilato e circondarsi di uno stuolo di damigelle nel cammino verso l’altare. Sono solo alcune, fra le tante tradizioni, relative al matrimonio, nate negli Stati Uniti e importate, ultimamente, anche in Italia. Sposarsi “all’americana” può essere un’esperienza unica per rendere l’evento più alternativo, sperimentando nuove proposte e nuovi orizzonti. I matrimoni americani sono carichi di tradizioni suggestive almeno quanto quelli europei, tanto da essere, spesso, raccontati e celebrati in numerosi film di genere che di solito riscuotono sempre un notevole successo al botteghino.

Dal wedding planner alle bridesmide, ecco i componenti base per un bel matrimonio in stile americano.

“Made in Usa” per eccellenza è la figura del wedding planner (ossia pianificatore di matrimoni), un professionista specializzato nell’organizzare la cerimonia nuziale in tutti i suoi dettagli, senza trascurare tutto ciò che ruota intorno ad essa. A metà tra il consulente e l’amico, opera a 360 gradi nel mondo delle nozze, ponendosi come intermediario fra gli sposi e i fornitori di servizi: dallo stilista o atelier che crea gli abiti, fino al fotografo, al noleggiatore dell’auto e della location fino al tour operator o agenzia che organizzerà la luna di miele. Molti di voi ricorderanno, senz’altro, il film “Primo o poi mi sposo” in cui Jennifer Lopez era un’affermata ed abile organizzatrice di matrimoni. Altra tradizione, sbarcata direttamente da oltreoceano, è quella dell’addio al nubilato fotocopia della versione maschile dell’addio al celibato di origine anglosassone (inventata dai giovani aristocratici inglesi per soddisfare desideri e voglie da single, prima di portare all'altare la nobile ereditiera di turno). La festa, che viene definita “bridal shower”, deve essere a sorpresa e viene organizzata e finanziata con una cassa comune dalle amiche del cuore. La damigella d’onore o testimone avrà il compito di organizzare l’evento evitando inutili goliardie e volgarità. In questo caso, vietato attenersi in senso stretto alla tradizione americana vera e propria, fatta di spogliarellisti, palloncini e dolcetti dalla forma equivoca. Sorprendete la sposa con una festa  (in genere una settimana prima del sì) sobria ed elegante, caratterizzata, magari, dai suoi piatti preferiti cucinati con qualche variante stuzzicante. Se l’evento sarà all’insegna del divertimento sfrenato imitate i ricconi americani e noleggiate una limousine per un allegro brindisi a bordo. La sposina è patita del glamour e del benessere? Niente paura: la soluzione è una giornata intera in una Spa tra creme e massaggi, l'ideale per le chiacchiere, qualche gossip per sciogliere la tensione accumulata in vista del grande giorno. Non deve poi mancare una figura tradizionale: in americano si chiama “bridesmide” ed è una figura importante per il rito celebrato in chiesa. Stiamo parlando, ovviamente, della damigella d’onore. In numero pari e accoppiate a due a due, le damigelle, amiche del cuore della sposa, sono abbigliate tutte allo stesso modo, con dettagli che richiamano l’abito della protagonista del “sì” oppure il colore-tema scelto per il matrimonio. È la sposa stessa a scegliere tali abiti da cerimonia, insieme alle damigelle, e a pagarli per loro. La damigella d’onore precede la sposa nel suo ingresso in chiesa con tanto di bouquet e, spesso, funge anche da sua testimone.

Se amate particolarmente gli Usa, seguite alcune semplici regole per l’annuncio e l’organizzazione del matrimonio.

Se amate gli Stati Uniti in maniera particolare potete dare un’impronta americana anche nell’annunciare il grande evento a parenti e amici. Le regole principali sono, in pratica, identiche a quelle italiane quando gli sposi decidono di far annunciare il matrimonio dai propri genitori, con la sola differenza che le coppie di genitori annunciano entrambe il matrimonio con il nome della sposa che deve precedere quello del futuro marito, a differenza della tradizione nostrana secondo la quale è lo sposo a stare nella parte sinistra della partecipazione. Un’altra abitudine tipicamente americana consiste nell’organizzare la festa per il matrimonio direttamente a casa di uno dei due sposi (se il giardino lo permette), avvalendosi della collaborazione di catering altamente specializzati e agenzie di banqueting che monteranno gazebi e tensostrutture per creare un’atmosfera magica. Per una cerimonia ancora più romantica l’ideale sarebbe celebrare il rito sulla spiaggia, tra le suggestioni e i colori del mare e l’accompagnamento musicale delle onde che si infrangono sulla battigia. Le nostre tradizioni religiose non consentono, però, di celebrare le nozze all’aperto (secondo le ultime disposizioni, la Curia starebbe, addirittura, vietando quelle nelle cappelle private). Se proprio non volete rinunciarvi potreste ripetere il rito dopo quello celebrato in chiesa, ambientando in spiaggia anche il ricevimento. La location informale e giovane suggerisce di far iniziare la festa nelle ore serali, d’estate, sfruttando anche i giochi di luce del tramonto e proseguendo fino alle prime luci dell’alba, grazie ad allestimenti originali di candele, torce e lanterne.

Ed infine, non può mancare la torta all’americana per le vostre nozze organizzate in stile statunitense.

Mentre la festa è al suo culmine, gli sposi si prepareranno per il taglio della torta. Nemmeno il dolce tradirà lo spirito americano del grande evento. Agli ospiti presenterete una torta multipiano in pan di Spagna interamente rivestita di pasta di mandorle, una vera e propria scultura di zucchero glassato a base stretta, che si protende verso l’alto. Perché non imitare anche la tradizione tipica di New Orleans presentando agli ospiti ben due dolci nuziali dedicati ad entrambi gli sposi? Quella di lui richiamerà nella forma la sua professione mentre quella di lei sarà più tradizionale. La particolarità sarà costituita, invece, da dieci nastri pendenti, infilati nel dolce a nascondere altrettanti oggetti segreti. Le amiche nubili saranno invitate a tirare un nastro per scoprire l’oggetto e di conseguenza cosa riserva loro il futuro. La fortunata che scoverà due anelli convolerà a nozze in breve tempo, mentre colei che riceverà un ditale sarà destinata allo zitellaggio eterno, anche se si dice che la previsione avversa durerà solamente fino al prossimo matrimonio con torta a sorpresa: basta organizzarsi…
24 reads

Blog

La scelta della cucina, ovvero la scelta pulsante della vostra nuova casa

Buon gusto, attenzione e una discreta dose di senso pratico, capendo innanzitutto l’uso che se ne vuol fare: questi i criteri principali cui fare riferimento per scegliere la cucina

Blog

L’accompagnamento della musica di un solista per un matrimonio romantico e delicato

Sempre più coppie scelgono di ingaggiare un solista per accompagnare il giorno delle proprie nozze, con brani che vanno dalla musica classica, al pop, alla musica leggera

Blog

5 cose da valutare prima di affittare una location per matrimoni

Un lussuoso castello medievale o un rustico agriturismo in campagna? La scelta della location è impegnativa e qualche consiglio non può che essere d’aiuto

Blog

Let the music play…anche e soprattutto durante il ricevimento di nozze

L’importanza della musica è, non a caso, ampiamente riconosciuta al punto che, spesso, ci si accorge di quanto sia fondamentale proprio quando non è prevista: non dimenticatela per il vostro ricevimento di nozze

Blog

Quell’atmosfera vintage così tanto romantica tipica del vostro matrimonio…

In un matrimonio la scelta dell’abito è fondamentale e lo è ancora di più con uno stile così particolare come quello vintage, sia per lei che per lui

CONTATTACI

Ti riponderemo entro poche ore.

Nome

E-mail

Messaggio

ASPETTA

Questa funzione è riservata agli utenti registrati.
Accedi o Registrati per accedere a tutti i vantaggi del sito