0
101
open Le tue nozze
Approfondisci:

Decori “fai da te”: creatività e manualità al servizio del vostro matrimonio

Decori “fai da te”: creatività e manualità al servizio del vostro matrimonio
Se creatività e abilità nel maneggiare e intrecciare fiori, cartone, fili di ferro, intagliare spugne e sughero non vi sono mai mancate, cosa c’è di meglio del vostro matrimonio per impiegarle?

Se avete intenzione di lavorare attivamente alla preparazione di tutto ciò che farà da contorno al vostro matrimonio, con “decori fai da te”, andrete incontro ad un’esperienza faticosa e impegnativa, ma molto appagante. Sarà ancora più divertente se coinvolgerete nell’impresa sorelle, future cognate e amiche intime: una scusa per stare insieme a loro con leggerezza facendo quattro chiacchiere e unendo l’utile al dilettevole.


La tabella di marcia che porta all’altare è spesso frenetica; quindi è ancora più importante ritagliarvi degli spazi per voi stesse da vivere con rilassatezza: nonostante la vostra bravura e quella delle collaboratrici sia innegabile, occorre però organizzarsi perché realizzare questi “manufatti fai da te”, soprattutto in grandi quantità, richiede un certo tempo.


Appena pianificata l’impostazione generale della cerimonia e del ricevimento, sarebbe l’ideale lavorarci in media un paio d’ore al giorno, ma ciò dipende anche dal numero di amiche coinvolte senza contare che dovrete comprendere il tempo speso a girare per fornitori di materiali. Sempre più sono gli operatori del settore che, infatti, forniscono kit appositi per le realizzazioni fai da te, completi ovviamente di istruzioni a cui potrete apportare qualche variazione o aggiunta a seconda dell’estro personale.


Dai palloncini agli addobbi floreali, sono numerosi i “decori fai da te” per il giorno delle vostre nozze.


I palloncini di qualsiasi colore, il più semplice degli “addobbi fai da te”, sono sempre molto utilizzati, ma magari evitate le sculture soprattutto imponenti di dubbio gusto e usateli per addobbare le file esterne di sedie per gli ospiti durante il rito civile abbinandoli ai fiori che avete scelto come filo conduttore della giornata (in chiesa sarebbe meglio evitare vista la sacralità del luogo). I palloncini possono essere distribuiti uniti ad un fiore anche agli invitati sul sagrato della parrocchia: potranno essere liberati al posto del lancio del riso e magari la stessa cosa, si può fare durante il ricevimento, chiedendo ad amici e parenti di legare un messaggio al filo.


Un addobbo per le sedie, ma riprodotto anche in versione mignon per i segnaposto o da regalare insieme alle bomboniere, è il pompon: basterà prendere delle palle di polistirolo di diverse dimensioni e inserirvi, tappezzando, i fiori, badando che il gambo venga inserito completamente e lasciando spuntare solo il fiore. Da ogni pallina lascerete spuntare anche un filo più lungo costituito da un nastro pregiato per legare o far pendere il pompon.


Senza volervi sostituire ai professionisti dell’addobbo floreale, qualche complemento potrebbe essere  gestito da voi direttamente, se avete la passione per il verde in tutte le sue forme. Siccome ingresso e uscita degli sposi dalla chiesa sono due momenti molto significativi, sarebbe opportuno sottolinearli con decorazioni apposite. In questo caso andrebbero bene semplici intrecci di fiori e nastri che ripercorrono lo stipite della porta, prevedendo anche qualche spiga che porta fortuna ed è simbolo di fertilità. Per il centro del tavolo fanno invece al caso vostro i vasi trasparenti con i sassolini colorati sul fondo e riempiti con acqua ed essenze profumate su cui  lasciar galleggiare petali di rosa o fiori di diverso tipo. Se volete sbizzarrirvi con il fai da te non c’è nulla di meglio delle mini piantine grasse dalle forme più insolite: da quelle ramificate, ciccione o a cuore. Basterà unirci un altro fiore profumato piantandolo nel vasetto addobbato da un nastro e il gioco è fatto: avrete realizzato dei semplici segnaposto ma di sicuro effetto. Attenzione però alla forma delle piante rase, perché quelle con troppe spine potrebbero essere pericolose e per qualcuno anche di cattivo auspicio. Sempre a tavola, per i ricevimenti estivi e primaverili con cerimonia all’aperto potreste adoperarvi nella realizzazione di “addobbi fai da te” di eleganti e fresche ghirlande, legatovaglioli e bicchieri e segnaposti, abbinando a nastri e fiori anche qualche base all’uncinetto, se siete abili in questo tipo di lavorazione, che in caso di nozze invernali può essere sostituita con la lana, grazie a catenelle realizzate ai ferri. Lo scheletro di una ghirlanda è in genere costituito da un intreccio di rametti flessibili con cui comporre una coroncina per infilarci fiori di qualsiasi tipo. Per rendere più robusto l’intreccio si può inserire del fil di ferro. Il verso delle corolle di fiori va alternato verso l’interno ed esterno. Le ghirlande possono essere realizzate dello stesso diametro dei bicchieri, sia da vino che da acqua, per poterli decorare sempre che il bicchiere sia cilindrico e panciuto. In caso contrario soprattutto per i calici da spumante o champagne la decorazione si può limitare lungo lo stelo.


Per un’idea un po’ originale per i segnaposto perché non utilizzare addirittura delle ostie? Ve le farete preparare dal vostro pasticciere e poi le ritaglierete dando la forma desiderata e le renderete più resistenti utilizzando spray appositi (quelli che si usano anche per conservare la frutta da adoperare nei decori). Potrete impreziosirli con brillantini o glitter particolari scrivendo su ciascuna il nome dei diversi commensali. Se ci riuscirete potrete anche forarle verso il bordo per inserire un fiore o un nastro.


Anche i portaconfetti ed il bouquet possono diventare un’occasione per un simpatico “decoro fai da te”.


Per i portaconfetti “fai da te” dovrete armarvi di pazienza e munirvi di tanta seta o raso, nastri, ago e filo per confezionare i classici sacchettini da personalizzare con il ricamo delle vostre iniziali e se la tecnica dello stencil per voi non ha più segreti potreste anche dipingervi un fiore. Lo stesso metodo può essere sfruttato per le partecipazioni o ancor meglio potrebbe fare al caso vostro il decoupage: ricercate immagini o stoffe particolare, ritagliatele e incollatele sul cartoncino per un invito originale ed esclusivo.


Persino il bouquet può essere realizzato con metodo fai da te ma non tutti i fiori si prestano. Infatti dovrete calcolare che pur essendo abili non avete certo la professionalità di un fiorista. Fra i fiori più versatili che si prestano anche per flower designers alle prime armi ci sono tulipani, rose canine, mughetti, gerbere, calle; queste ultime sono talmente eleganti e scenografiche che hanno veramente bisogno di poco per raggiungere il top. Abbinati a gelsomini, rametti di sophora, gissofilia questi fiori sono adatti anche per centri tavola, portacandele e coroncine. Comunque, visto il costo relativamente contenuto di un bouquet, per evitare risultati non al livello delle vostre aspettative, rivolgersi ad un fiorista può sempre rappresentare una buona soluzione dall’esito garantito.

Scritto il: 19-09-2013 - letto 951 volte