0
62435
open Le tue nozze
Approfondisci:

Galateo e ricevimento: come, quando e cosa si può o non si può fare

Galateo e ricevimento: come, quando e cosa si può o non si può fare
Un matrimonio di successo si vede anche da come viene organizzato il ricevimento: rispettando alcune piccole regole imposte dal galateo, il vostro grande giorno si trasformerà in un evento memorabile
Il giorno delle nozze tutto, ma proprio tutto, deve essere organizzato rispettando il gusto personale degli sposi. Ampio spazio alle novità e ai tocchi di stile, ma è bene ricordare che l’osservanza di alcune piccole regole potrebbe aiutare i novelli sposi a evitare gaffes o eventuali malcontenti.
Vediamo insieme qualche piccolo accorgimento per quanto riguarda lo svolgimento del ricevimento di nozze.

Galateo per il ricevimento di nozze: non lasciate niente al caso, un sopralluogo il giorno prima della cerimonia è d’obbligo.


Il giorno delle nozze, in quanto novelli sposi, dovete riuscire a vivere ogni istante. Per questo motivo è bene aver concordato in anticipo con il ristorante, la location o il catering per matrimoni scelto, tutti i dettagli riguardanti l’organizzazione del ricevimento nuziale. La disposizione dei tavoli deve essere studiata in precedenza, così come gli addobbi e l’eventuale posizione dell’impianto musicale.
Al momento dell’arrivo degli ospiti e degli sposi, il locale deve già essere perfettamente sistemato: assolutamente vietati ritocchi all’ultimo minuto. Per questo motivo, compiere un sopralluogo il giorno prima della cerimonia per controllare che tutto sia assestato a dovere è una buona idea: nel caso gli sposi sia impegnati con gli ultimi preparativi e non abbiano il tempo materiale di recarsi presso il locale scelto, si possono sempre delegare i testimoni, amici degni di fiducia.

Arrivo degli ospiti presso il luogo del ricevimento nuziale: accoglienza e sistemazione ai tavoli.


Il galateo vuole che sia la madre della sposa ad accogliere gli ospiti prima del ricevimento nuziale. La tradizione vuole che sia posto vicino all’ingresso anche un leggio, con un album sopra appoggiato, dove gli ospiti possono lasciare le loro firme e i loro commenti.
Le presentazioni spettano, invece, ai fratelli degli sposi che, con cortesia ed educazione, devono sovraintendere anche alla sistemazione ai tavoli di tutti gli ospiti. Per aiutarli in tale oneroso compito, gli sposi, qualora si tratti di matrimoni con un cospicuo numero di invitati, devono aver provveduto in anticipo alla stesura del tableau de mariage.
Le regole base per la sistemazione dei posti a sedere sono semplici: si consiglia la scelta di tavoli circolari, per mettere tutti gli ospiti allo stesso livello; il tavolo degli sposi deve ricoprire una posizione centrale e quelli più vicini a loro sono riservati, in ordine, a genitori, testimoni, amici più intimi e così via. Se tra alcuni ospiti intercorrono vecchi dissapori, assicuratevi di sistemarli in tavoli separati, magari assieme ad amici più buontemponi che, grazie alle loro capacità oratorie, sapranno evitare inutili litigi.
A questo punto fanno il loro ingresso gli sposi, dopo aver finito il servizio fotografico, ed è bene accoglierli con un gesto che sottolinei commozione e felicità per la loro nuova vita di coppia appena iniziata.

Il comportamento degli sposi durante lo svolgimento del banchetto di nozze: gentilezza e ringraziamenti per tutti gli invitati.


La tradizione vuole che sia la novella coppia a proporre il primo brindisi durante il ricevimento di nozze e che lo sposo non lasci mai da sola la sposa, né che si tolga mai la giacca. Il giro dei tavoli, per ringraziare parenti ed amici di aver contribuito a rendere speciale una giornata tanto importante e scattare le classiche foto ricordo, è d’obbligo e può avvenire secondo due modalità: prima del taglio della torta oppure durante gli intervalli che intercorrono tra una portata e l’altra, ricordando che gli sposi vanno comunque serviti per primi. In quest’ultimo caso è bene fare un rapido calcolo su quanti tavoli si riuscirà a salutare durante tali intervalli di tempo: sebbene sia normale che ad alcuni ospiti gli sposi dedicheranno più tempo che ad altri, è buona norma cercare di dedicare a tutti la stessa gentilezza e le stesse attenzioni, ascoltando commossi quello che gli invitati non hanno avuto il tempo di dire precedentemente. Assolutamente vietato dalle regole del galateo è il taglio della cravatta dello sposo e la conseguente richiesta di denaro, interpretato davvero come un elemento di cattivo gusto.

Il taglio della torta: un rito carico di simboli, al termine del ricevimento nuziale, che segue alcune importanti linee guida.


Il taglio della torta è uno dei momenti più attesi del ricevimento di nozze. Lo sposo ha il compito di iniziare il taglio della prima fetta con la mano della neosposa appoggiata sulla propria ed è proprio lei che deve concludere tale taglio e provvedere a distribuire le prime fette, così da confermare il ruolo della donna come guida e servitrice della famiglia appena nata: iniziando, ovviamente, dallo sposo, a seguire la sposina provvederà a servire la suocera, la madre, lo suocero, il padre ed, infine, i testimoni.
Arriva il momento del brindisi finale. Una buona torta è sempre accompagnata da un buon vino, solitamente spumante o champagne, e pertanto i brindisi in questo momento del ricevimento saranno molteplici. Il galateo impone che tutti gli ospiti partecipino, anche gli astemi, piuttosto portando anche solo il bicchiere alle labbra. Decisamente di cattivo gusto è lasciare tracce di rossetto sull’orlo del calice o sul tovagliolo.

La fine del ricevimento di nozze: saluti, ringraziamenti, confettata e la consegna delle bomboniere.


È buona norma che nessun invitato, salvo impedimenti dovuti a forze maggiori, lasci il ricevimento prima del taglio della torta. Il congedo è un momento che serve, agli invitati, per congratularsi nuovamente con la coppiae ringraziarla per la bella giornata e, agli sposi, per ringraziare gli ospiti di aver partecipato e consegnare loro le bomboniere, che non devono mai essere donate prima della fine del banchetto.
Scritto il: 24-06-2016 - letto 812 volte