0
64813
open Le tue nozze
Approfondisci:

Il lusso che può essere accessibile per il vostro giorno unico e speciale

Il lusso che può essere accessibile per il vostro giorno unico e speciale
Quali accorgimenti servono per dare al vostro ricevimento un tocco di classe e di eleganza, unite a un pizzico di sfarzo? Il lusso, talvolta, può essere a portata di mano e andare di pari passo col buon gusto
Nuances giallo oro o grigio argento, ricchi candelabri, porcellane e cristalli, tovagliati di lino di fiandra con ricami e merletti e ingredienti di pregio per il menù quali patè, caviale, tartufo, ostriche e pesci pregiati innaffiati dal classico Champagne o dai vini doc piemontesi. Tutti elementi da tenere in considerazione se l’obiettivo è proporre agli ospiti un ricevimento in puro stile “deluxe”.
Per partire con il piede giusto, dovrete per forza organizzare in un castello o villa d’epoca esclusiva, ma ultimamente vanno di moda anche i relais: alberghi con ampi parchi e piscine e annessi centri benessere. Perché non approfittarne per essere magnanimi con amici e parenti, regalando un trattamento estetico come “pensierino” di nozze? Si tratta di autentici paradisi in cui rilassarsi e usufruire di saune, hammam, massaggi, Jacuzzi e chi ne ha più ne metta. Da valutare anche per un addio al nubilato o celibato un po’ fuori dal comune. E, come se non bastasse, questi luoghi che sembrano fuori dal tempo molto spesso sono anche romantici, con camere dai magnifici letti a baldacchino, piscine panoramiche e soffitti a cassettoni. La prima notte di nozze si dovrà pure trascorrere da qualche parte, no?
Se lusso deve essere, lo sia anche negli allestimenti e decori del ricevimento. Per la tavola si dovranno utilizzare solo tovaglie di lino di fiandra lisce o ricamate - con decorazioni opache lucide - impreziosite da stoviglie di porcellana e bicchieri di cristallo. Quale occasione migliore per rispolverare il servizio di posate in argento? E, a rendere romantica l’atmosfera, arrivano i candelabri lavorati, al posto dei “normali” centrotavola. Per evocare la sensazione di opulenza, i colori predominanti saranno oro e argento, sinonimo di nuances gioiello e, come segnaposto, oggetti impreziositi da dettagli di Swarovski, che potranno essere conservati dagli ospiti come soprammobili.

Il lusso non deve essere per forza sinonimo di sfarzo ed ostentazione: anzi, il buon gusto deve essere un ingrediente indispensabile di un matrimonio deluxe


Ma fate attenzione: un ricevimento all’insegna del lusso dovrebbe essere anche elegante e raffinato e non sempre è così, perché tutto dipende dagli sposi e da chi organizza. Infatti, talvolta il rischio è farsi prendere la mano, sconfinando nel cattivo gusto: lusso, infatti, non vuol dire caricare il ricevimento di dettagli a più non posso, ma trovare un giusto equilibrio fra sobrietà e ricercatezza. Ad esempio, una tavola essenziale, ma ricca di grazia, con qualche dettaglio prezioso, che riporta la mente ad un’epoca incantata dove il tempo sembra essersi fermato e in cui l’atmosfera ha allo stesso tempo un effetto rilassante ed elegante, vale più di mille addobbi super lusso. Dare come tema conduttore il color oro o argento va benissimo, purché non siano a senso unico, ma spezzati, abbinandoli ad altre nuances quali, ad esempio, il verde decappè, azzurro carta da zucchero o blu-indaco anticato. L’argento, ad esempio, va bene con altri colori pastello dall’effetto satinato. I decori particolarmente elaborati possono essere stemperati anche dall’accoppiata con candele profumate. Se, ad esempio, come segnaposto avrete adottato piccoli gioielli Swarovski, il posto tavola sarà già completo così, senza bisogno di altri fronzoli particolari. In alternativa, il particolare che fa la differenza può essere riservato al ferma tovagliolo, magari dai bordi alti in argento: in questo caso come segnaposto sarà sufficiente un semplice fiore. In poche parole bisogna curare la forma, ma soprattutto la sostanza.
Ovvio che se il vostro ricevimento sarà all’insegna di lusso e ricercatezza, lo stesso filo conduttore sarà ripreso nel menù: tra decori importanti, candelabri e porcellane, risulterà improbabile servire pollo arrosto con patate, per quanto ottimi entrambi. Ma per avere qualche suggerimento su questo aspetto, abbiamo interpellato gli chef di alcuni famosi ristoranti.
Scritto il: 25-07-2016 - letto 438 volte