0
34224
open Le tue nozze
Approfondisci:

Ricevimento a casa: fate sempre attenzione che la festa non si trasformi in un incubo

Ricevimento a casa: fate sempre attenzione che la festa non si trasformi in un incubo
Celebrare con amici e parenti fra le mura domestiche con l’appoggio di un catering esterno: siete fortunati, la casa paterna è abbastanza ampia con annesso giardino, ma come affrontare l’impresa?

Requisito indispensabile per la buona riuscita del ricevimento a casa è che gli ospiti possano raggiungere agevolmente la vostra abitazione ovunque essa si trovi (in città o nei dintorni) e soprattutto che possano parcheggiare la macchina senza alcun tipo di problema o preoccupazione di prendere multe. Soprattutto nelle grandi città trovare un posto auto libero è sempre un’impresa (ma dovrebbe esserlo meno sabato e domenica quando diverse famiglie magari vanno via per il week end). Inoltre la zona blu (con sosta a pagamento) è arrivata ormai quasi ovunque. Per cui sarebbe opportuno fornire, principalmente agli ospiti che non conoscono la zona, piantine dettagliate che indichino i parcheggi, soprattutto quelli al coperto (e che non siano riservati agli abbonati con assegnazione di posto fisso) e se le vostre disponibilità economiche lo permettono sarebbe gentile farvi carico del costo.
I parcheggi potrebbero essere un problema anche fuori città nel caso in cui festeggiaste nella casa di campagna o nella villetta in collina. Anche in questo caso informerete gli ospiti sulla dislocazione degli spazi adibiti a posteggio e sulla relativa distanza dall’abitazione indicando i percorsi più agevoli per raggiungerla a piedi dal parcheggio, evitando strade sterrate e ciottoli se possibile.
Generalmente le case di campagna o le ville in collina dispongono anche di vasti cortili interni con più posti auto che sarebbe opportuno riservare ai parenti più anziani, soprattutto se fanno fatica a camminare o peggio se disabili. In questo caso ci vuole un occhio di riguardo anche per predisporre gli accessi all’abitazione liberandoli da eventuali barriere architettoniche che ostacolerebbero l’ingresso alle sedie a rotelle. Predisponete quindi scivoli e rampe a seconda delle necessità. Se festeggiate in un appartamento in città, e l’ascensore non consente l’ingresso di carrozzine, occorrerà predisporre una coppia di scivoli telescopici per ovviare il problema scale.


All’interno dell’abitazione è necessario un basilare processo di “adattamento” al fine di organizzare un perfetto ricevimento a casa.


Mobili da spostare, illuminazione adeguata da prevedere, spazi da reinventare al meglio sono il primo passo da valutare per un ricevimento a casa. La regola sarebbe considerare un metro quadro di spazio vitale per ogni persona che farà parte del ricevimento, oltre alle zone di disimpegno e di servizio e quelle occupate da tavoli e suppellettili. Attenzione, quindi: per ospitare 100 persone, non ve la caverete con una dimora che al coperto non sia almeno di 200 metri quadri.
I più fortunati possono contare magari su una dimora storica in centro, con doppio salone, ma anche in questo caso occorrerà una piccola rivoluzione degli spazi, per non costringere gli ospiti a stare “come sardine”. Ricordatevi che se spostate mobili per lungo tempo addossati alle pareti, avrete a che fare con l’inevitabile “impronta” lasciata dopo lunghi anni nella stessa posizione: non immaginate quindi grandi rivoluzioni. Basterà disporre al loro posto i tavoli con le portate addobbati con tessuti e decori pregiati.
Se possedete mobili d’epoca fateli diventare parte integrante del ricevimento. Una bella consolle o un tavolo in stile possono essere utilizzati come punti d’appoggio per le portate mentre le sedie con gli opportuni rivestimenti verranno disposte ai bordi della stanza. Essenziali anche i servizi igienici: sarebbero necessari due bagni. Quello più ampio ed elegante lo riserverete agli ospiti corredandolo di saponette, sapone liquido, una serie di asciugamani puliti. Il secondo più piccolo e defilato sarà riservato al personale di servizio del catering.
Allestimenti e decorazioni non sono poi così diverse dal caso in cui aveste festeggiato in una location o villa in affitto. Via libera a tovaglie pregiate e ricamate rispolverando magari il prezioso servizio di posateria in argento della nonna, con tanto di set di bicchieri di cristallo fra centrotavola profumati o preziosi candelabri. Se una parte della festa è prevista in giardino predisporrete ghirlande di fiori ad addobbare gazebo e tensostrutture o lungo le arcate di un eventuale porticato.


In spazi esigui, optate per un elegante buffet al posto del pranzo o cena placè per i vostro ricevimento a casa.


A meno che non siate proprio in numero limitato (sui 20-30 ospiti), servire a tavola gli ospiti richiede molto spazio. Avendo a disposizione spazi abbastanza ampi per il vostro ricevimento a casa, potreste allestire piccole zone a tema dislocate con sequenza logica, evitando che si servano tutti in uno stesso momento allo stesso tavolo, con l’angolo bouvette, quello per il buffet vero e proprio e il caffè e digestivi.
Prevedete anche un altro spazio dedicato alla conversazione, sia all’interno della casa (un mini salottino) che all’esterno in giardino con sedie e tavoli in vimini al riparo da pioggia o sole.
Non sono fondamentali solo gli spazi per gli ospiti ma anche quelli destinati al personale di servizio del catering per consentirgli di lavorare al meglio e che dovrebbero essere separati da quelli del ricevimento. Sfruttate ad esempio l’autorimessa o il garage, nel caso siate nella casa di campagna per consentire allo staff del banqueting di montare le cucine mobili. Oppure predisponete gazebo o pagode esterne.
Gli spazi di servizio dovranno essere muniti di allacciamenti per acqua ed energia elettrica con potenza adeguata, altrimenti provvedete con un gruppo elettrogeno a parte, lontano dagli ospiti a causa del suo rumore. Se gli chef del catering utilizzassero invece la vostra cucina, lasciatela la più spoglia possibile: penseranno loro a portare le suppellettili professionali necessarie.


Mettete in conto di dover noleggiare tende e arredi appositi per l’esterno nel caso di un ricevimento a casa.


Festeggiate nella bella stagione e avete piacere di servire il buffet o il rinfresco nel giardino di casa vostra. Siccome però anche in primavera ed estate il tempo può sorprendere con inopportuni, quanto fastidiosi, acquazzoni, occorre disporre spazi al coperto sotto cui ripararsi e proteggere il cibo. Eventuali isole a tema e tavolo del buffet, se non disponete di un porticato dovranno infatti necessariamente essere allestiti sotto gazebo o tendoni in grado di reggere anche il peso di eventuali grandinate. Per cui occorrerà affittare tensotrutture adatte sistemandole lungo una parete del giardino e lasciando il resto dello spazio libero per consentire la circolazione e conversazione degli ospiti.
Altri gazebo riservateli per il riparo di amici e parenti in caso di pioggia improvvisa arredandoli con poltroncine e mini divanetti. Eleganti pagode o tensotrutture addobbate di tendaggi, nastri e composizioni floreali sono senza dubbio romantiche, ma bisogna badare anche alla praticità: divanetti, poltroncine e buffet così come le apparecchiature di illuminazione e filodiffusione andranno posizionate lontano dai bordi delle coperture e in posti che sicuramente rimarranno asciutti anche in caso di acquazzoni.
Se avete scelto un pranzo seduti perché il numero degli ospiti lo consente, pensate anche al catering e al trasporto del cibo da parte dei camerieri, prevedendo delle gallerie al coperto nel tragitto dalla cucina ai tavoli. Un’altra soluzione è affittare pagode, gazebo e tensostrutture solo per ambientarvi una parte dei festeggiamenti: ad esempio, l’aperitivo o il cocktail di benvenuto prima del pranzo o della cena, oppure una merenda sinoira, organizzando invece il vero ricevimento all’interno dell’abitazione.
C’è poi l’opzione del pranzo o buffet in casa riservando la festa danzante all’esterno magari di sera fino a notte inoltrata. In questo caso ci si potrà sbizzarrire con allestimenti romantici quali candelabri d’argento e candele profumate ad illuminare il giardino con la diffusione nell’aria di essenze profumate sotto tendaggi leggeri di organza, seta o raso. In ogni caso prevedete sempre anche qualche pedana antiscivolo posizionandola in posti strategici di collegamento con l’ingresso della casa: in caso di pioggia l’erba diventa molto scivolosa e sarebbe un peccato rovinare una festa così importante per una banale caduta che potrebbe avere conseguenze spiacevoli.

Scritto il: 11-12-2013 - letto 1836 volte