0
34476
open Le tue nozze
Approfondisci:

Save the date, cake toppers and bridesmaids: check. Ti sposi all’inglese, ma... Can you speak english?

Save the date, cake toppers and bridesmaids: check. Ti sposi all’inglese, ma... Can you speak english?
Un buon wedding planner saprà sicuramente aiutarvi nell’organizzazione del vostro matrimonio perfetto e, per farlo, deve conoscere alcuni termini inglesi ormai diffusi. E voi, li conoscete?

Il lavoro dei wedding planners si fa sempre più difficile. Complice la globalizzazione, sono molte le coppie che cercano nelle tradizioni di altri paesi quell’afflato di originalità che renda ancora più speciale il giorno del matrimonio. In Italia sta prendendo sempre più piede la moda di sposarsi all’inglese, ovvero seguendo le tradizioni (riviste e corrette all’italiana) della terra di Albione.


Per muoversi con “cognizione di causa” di seguito un piccolo dizionario dei termini più utilizzati dai wedding planners inglesi.


Bridesmaids
Sono le “damigelle d’onore” che tanto posto trovano nella filmografia tradizionale romantica: chi non le ricorda ad esempio in “Quattro matrimoni e un funerale”, celebre film con Hugh Grant and Andie MacDowell del 1994? Secondo la tradizione devono essere amiche, non ancora sposate, della “bride-to-be”. Fondamentali come supporto nei preparativi per il matrimonio, accompagnano la sposa nella scelta dell’abito, organizzano l’addio al nubilato, accompagnano infine la sposa all’altare. Presenti in numero che va dalle 3 unità fino ad un massimo di 8, devono abbigliarsi in modo coordinato tale però da non offuscare l’importanza della sposa (ovviamente). Tutte rigorosamente dotate di un bouquet, anche se più piccolo di quello della sposa.


Bride-to-be
La traduzione in italiano è “futura sposa”. Si diventa pertanto bride-to-be poco prima di contrarre ufficialmente il matrimonio. Attorno alla bride-to-be esiste un merchandising dedicato: abbigliamento ed oggettistica varia sono disponibili per connotare l’evento clou delle future sposine, l’addio al nubilato. Un esempio è la giarrettiera “bride to be”. Si tratta ovviamente di rivisitazioni in chiave ironica: lo spirito è quello di emulare la goliardia dell’addio al celibato maschile.


Cake Topper
Sono le classiche statuine degli sposi stilizzate da mettere in cima alla torta nuziale. La scelta dei cake topper va fatta tenendo conto delle passioni della coppia e rivisitandole ad esempio anche in chiave ironica. Ad esempio un pallone da calcio posto accanto alla sposa fa capire scherzosamente quale sia la passione del futuro marito. Ovviamente esistono anche e soprattutto i cake topper romantici (sposini che si abbracciano, che si baciano), realistici o simbolici (ad esempio un Topolino ed una Minnie). Una cerimonia nuziale all’inglese non può definirsi tale senza che i cake toppers facciano la loro bella figura sulla torta. Anche i materiali variano in ragione al gusto ed al prezzo che si è disposti a pagare: le composizioni in porcellana, ad esempio, possono anche arrivare a costare diverse centinaia di euro.


Wedding Cake
E’ la torta nuziale. La wedding cake ha la sua posizione d’onore anche nel più classico matrimonio all’inglese.
Va servita al termine del ricevimento nuziale e può essere fatta di uno o più piani. La tradizione anglosassone prevede che la cake debba essere servita il giorno dopo le nozze, durante il “wedding breakfast”: tale usanza è ancora oggi viva in alcune aree della Gran Bretagna. Da noi, invece, il taglio della torta a fine ricevimento è imprescindibile.
La wedding cake tradizionale inglese deve essere rigorosamente bianca, comprese le decorazioni in crema di burro e mandorle. Il ripieno comprende sapori quali il cioccolato e la vaniglia ma non mancano, in alcuni casi, le fragole. Fiorellini sono solitamente disposti a decorazione sui vari strati per un impatto visivo di sicuro effetto.


Bridegroom
E’ lui, lo sposo. L’altro protagonista, lì, in cima alla torta. La tradizione vuole che si faccia protagonista di un breve discorso durante il ricevimento di celebrazione della sposa e ringraziamento dei commensali in modo ironico e sopra le righe (le commedie inglesi in questo caso possono dare realmente un’idea di cosa ci si aspetta da un discorso fatto dallo bridegroom).


Save the Date
Anche questo è semplice. Si tratta del “ricorda la data del matrimonio e non prendere altri impegni” ovvero il karma del perfetto invitato. A ricordarlo serviranno, come tradizione, inviti e partecipazioni, anche se con il passaparola tra invitati e sposi, ricordare la data delle nozze con questo termine molto british fa tendenza.


Wedding Reception
Il ricevimento nuziale. La tradizione (anglosassone) vuole che durante il weeding reception, insieme al bridegroom anche amici e parenti tengano un discorso di commento, ringraziamento, sfottò garbato alla neocoppia, il tutto ovviamente nel rispetto dei canoni del più sottile “English humour”. Gli inglesi utilizzano il termine reception perché, sempre secondo la tradizione, il banchetto è la prima esperienza sociale di accoglienza della coppia appena formatasi.


Honey Moon
Questo forse è il termine inglese più inflazionato qui da noi: è il viaggio di nozze, quello che, nell’iconografia classica, inizia con gli sposi che salutano a bordo dell’auto trascinandosi una sfilza di lattine.


Bridal Shower
E’ il momento della consegna dei regali da parte di amici e parenti alla coppia. E’ anche un po’ il momento della verità per gli sposi: la finalizzazione della strategia della lista di nozze. In Inghilterra aveva il senso di foraggiare opportunamente gli sposi in modo che essi non potessero accampare scuse ed organizzare un misero wedding reception per mancanza di fondi ...
Internet sta eliminando questo momento di socialità legata al matrimonio dal momento che i regali oggi si scelgono e si pagano su Internet e la consegna è affidata al fornitore.


Trash the Dress
E’ un modo per far arrabbiare le future suocere: in pratica ci si diverte a farsi fotografare in luoghi a dire poco non consoni con la sacralità del matrimonio (letteralmente infatti la frase significa “Butta il vestito nella spazzatura”). Attualizzando al nostro tempo, è un po’ come se la sposa si facesse ritrarre dal fotografo in pose romantiche pulendo un sarago all’interno di una pescheria! Oppure a passeggio in spiaggia, con il vestito mezzo bagnato mentre lo sposo le dipinge un cuore sul vestito bianco!
Roba da litigio il primo giorno di matrimonio: don’t try this at home!! Serve però almeno sapere di che si tratta per ostentare cultura sull’argomento e … per opporvisi fermamente.


E voi, conoscevate tutti questi termini inglesi che i wedding planners snocciolano a menadito?

Scritto il: 28-02-2014 - letto 525 volte