0
60222
open Le tue nozze
Approfondisci:

Mix di sapori internazionali per piatti caratteristici di una cucina “fusion” per le vostre nozze

Mix di sapori internazionali per piatti caratteristici di una cucina “fusion” per le vostre nozze
I grandi cuochi, nel corso degli anni hanno creato piatti che non appartengono a nessuna regione specifica ma che sono frutto del bagaglio di esperienze maturate in carriera, spesso anche in Paesi lontani
La cucina italiana, considerata dai più come la migliore al mondo non può che acquistare nuova linfa vitale rinnovando le tradizioni regionali con abbinamenti a sapori e prodotti internazionali. È la cosiddetta cucina “fusion”: fusione di tradizioni alimentari, di ingredienti, di ricette ed esperienze della cucina mondiale dove sono utilizzati alimenti e ingredienti di tutto il mondo, per ottenere una fusione di nuovi sapori.

Questa sperimentazione, tipica della cucina fusion può trovare impiego anche nei menù nuziali.


Visto che a volte la cucina “fusion” tratta di ricette un po’ inconsuete che magari non sono gradite a tutti, sarebbe consigliabile variare l’elenco delle portate inserendo un piatto particolare e due più tradizionali, oppure uno e uno, soprattutto nei primi piatti dove è previsto a seconda dei “pacchetti” più di un assaggio.
Qualche esempio: ecco il risotto al Castelmagno che viene reinterpretato aggiungendo l’uva, oppure pere martin sec cotte al Nebbiolo oppure condito con pera brasata e farcita con confettura di pomodori verdi e salsa al Barolo e alla rosa canina con gelato al parmigiano, Sempre restando in tema di risotti molto apprezzato è quello “fuma e champagne”. La bevanda tipica per eccellenza dell’enogastronomia francese si sposa con la scamorza affumicata. Altri risotti a base di formaggio sono quello delle Alte cime con salsiccia di Brà, noci e Bitto e quello con melone gorgonzola e mazzancolle. Infine, ancora tre tipologie di risotto molto particolari sono il “tropicale” con ananas, gamberetti, spada e curry, “l’imperiale” con champagne brut e polpa di granchio e quello al Barbera con funghi porcini, in abbinamento a frutti di bosco e gamberi. Che dire poi del gusto sopraffino dell’orzotto alla crema di peperoni rossi e burrata pugliese? Per quanto riguarda la pasta ripiena, i ravioli piemontesi e del plin possono essere cucinati rispettivamente mantecati all’Arneis e nocciole e con ragù bianco e profumo di menta, ma per vere ricette insolite non si può non citare gli agnolotti alla piemontese con funghi porcini e frutti di bosco, il cappuccino di carota e arancio con mini agnolotti, schiuma di latte e sugo d'arrosto e i tortelli in guazzetto di vellutata di Castelmagno, zucca, amaretto e fiori eduli. Altro abbinamento insolito è quello fra la crema di peperoni e la Robiola d’Alba usate per “condire” i tagliolini. Questa pasta all’uovo lega bene anche, nella versione alla scandinava, con salmone e vodka oppure con salmone e arancio. Altra ricetta “inventata” è quella delle sorpresine alla Falconara con speck e zafferano. Indimenticabili anche i maltagliati di pasta fresca con cipollotti, zafferano e ancora burrata e i gnocchetti di patate ai carciofi croccanti e ricotta affumicata.
Scritto il: 01-04-2016 - letto 563 volte