0
56705
open Le tue nozze
Approfondisci:

Che sposa sarebbe senza l’elegante e tradizionale velo?

Che sposa sarebbe senza l’elegante e tradizionale velo?
Accessorio imprescindibile dell'abito da sposa è senza dubbio il velo. Lungo, corto, con balza coprente, impreziosito da ricami o semplice nella trasparenza del tulle, è un elemento che non può mancare nell'abbigliamento di una sposa

Certamente i tempi hanno dettato dei cambiamenti di stile e spesso il velo della sposa viene sostituito con eleganti cappellini o semplicemente da sofisticate acconciature.


Il velo per la sposa: un accessorio dalla tradizione millenaria.


Il velo della sposa ha una storia lunga millenni sembra quasi che il tempo ne abbia alleggerito la fattura, perché bisogna sapere che i primi veli erano cuciti in tessuto coprente, ricco broccato per le spose di un certo rango o in lana pesante per spose meno abbienti. Il significato non cambiava e la pesantezza del velo derivava dal considerarlo simbolicamente la sottomissione della donna allo sposo.
Col tempo il velo diviene sempre più leggero ed arricchito con preziosi ricami, nel medio evo oro e perle erano utilizzati come ornamento del velo per suggellare la purezza della sposa.
Nel rito Cattolico Greco Bizantino fu per molto tempo in uso il rito della Velazione che includeva anche lo sposo e che richiamava il rito praticato dai romani con il “flammeum”; si tratta di un rito che vede sospeso sul capo dei due sposi un velo leggero che richiama il significato della comunione tra i due e l'invocazione sulla coppia dello spirito Santo.
Molte coppie amano ripetere questo antico rito anche se è un rito per il quale bisogna chiedere il permesso al sacerdote.
Il velo per antonomasia è da sempre simbolo di verginità, la perdita del velo è la perdita della purezza.


Un tempo, in alcune culture, il velo veniva acquistato dal suocero, unico familiare dello sposo che potesse vedere l'abito della sposa prima del tempo.
Un altra usanza che continua a perpetrarsi a tutt'oggi è quella di utilizzare il velo che un tempo aveva arricchito l'abito della madre.
E' indubbio che la tradizione sia un arricchimento della nostra personalità, ma nel giorno più importante della vita è bene che si scelga secondo il proprio gusto e le proprie propensioni.
Voci autorevoli sostengono che davanti l'abito giusto si pianga, sarà capitato di ascoltare il racconto di amiche e conoscenti sulle mille prove e sicuramente quello della commozione è un buon metodo per rendersi che ci troviamo davanti l'abito che fa per noi.


Esistono tantissimi modelli tra cui è possibile scegliere il velo per la sposa.


E' interessante conoscere le tipologie di veli da sposa ed i loro nomi.
Il velo che copre il viso è detto Blusher.
Il velo sulle spalle è ideale per quelle spose briose, spiritose e giovani che utilizzano il velo a completamento dell'acconciatura.
Il velo a gomito è molto elegante ed è spesso abbinato ad abiti stretti dal modello moderno.
Il velo che raggiunge le punte delle dita e che copre per metà il corpo della sposa, solitamente, viene scelto un tulle sottile e leggerissimo; è adatto per abiti molto lunghi ed eleganti, sconsigliato per spose basse, perché rende tozza la figura.
Il velo Valzer è il velo detto a pavimento, supera di 20-30 centimetri l'abito, solitamente abbastanza lungo, è l'ideale completamento di un abito romantico.
Il velo a cappella è quello che forma lo strascico e che solitamente viene cucito a più balze, ricamato nell'estremità o bordato di raso viene spesso tenuto fermo dall'acconciatura.
Il velo a Cattedrale è il velo dallo strascico lunghissimo spesso ricamato riccamente e che conferisce regalità all'abito.
Con il ritorno del vintage sono stati rispolverati modelli del tempo andato come il cap veil degli anni venti: un copricapo in pizzo decorato con perline e paillette.
Torna di moda anche il velo a mantiglia, un corto tulle bordato di pizzo semplicemente adagiato sul capo.


È importante, comunque, giungere alla scelta del velo da sposa avendo un minimo di consapevolezza su cosa vada bene per voi.


Il velo della sposa deve essere scelto tenendo assolutamente conto della forma del viso che deve andare ad incorniciare.
Se il volto è tondo sarà opportuno scegliere un velo che cada su entrambi i lati del viso così da sfilarlo.
Se il vostro viso è invece allungato, il velo ideale per voi sarà quello che parte da un'acconciatura bassa, sulla nuca.
Avete un viso a cuore, il vostro velo deve arrivare ad altezza mento.
Avete dei lineamenti ben squadrati, allora il velo che fa per voi è quello ampio che cade morbido sul viso quasi a volerne ammorbidire la spigolosa fisionomia.
Il viso ovale non ha problemi di scelta, può indossare qualsiasi tipo di velo preferisca.


Sulle passerelle della moda, per il 2014 le proposte tendono ad abolire il velo per la sposa a vantaggio della veletta.


Cucita in maglia di pizzo, arricchita e fermata da fermagli gioiello o ancorata a cerchietti, la veletta conferisce alla sposa, coprendole lo sguardo, un atteggiamento sensualissimo.
Il trend 2014 è orientato per chi non volesse rinunciare alla magia del velo da sposa, verso mini tulle, a volte quasi veri e propri fazzoletti elegantemente abbinati a fiori e ricche acconciature.
Ideale per chi sceglie una cerimonia con rito civile o per chi si senta impacciata con chilometri di tulle dietro le spalle, il mini velo si rivela la scelta appropriata.
Con macroperle e pizzo leggerissimo sono cuciti i veli a petalo, ideali per abiti corti.
Questo tipo di velo che riscuote molto successo tra le fresche spose ha un fascino brioso ed infiamma le passerelle.

Scritto il: 19-01-2016 - letto 455 volte