0
52
open Le tue nozze
Approfondisci:

Fiori per il matrimonio: una cornice di gioia e allegria dal tocco leggermente profumato

Fiori per il matrimonio: una cornice di gioia e allegria dal tocco leggermente profumato
Adornano l’abitazione, l’auto, la chiesa, il luogo del ricevimento e, naturalmente, compongono il bouquet. Stiamo parlando dei fiori nel fatidico giorno del “sì” come giusta cornice di gioia e allegria

L’usanza di impiegare dei fiori il giorno del matrimonio ha origini antiche. Ornare la sposa con i fiori d’arancio, simbolo di fertilità, è antichissima ed ha origine nel mondo arabo. Si trattava di un augurio, per la coppia, di avere una prole numerosa. In Italia muta però il valore simbolico del bouquet che comincia a rappresentare la purezza della futura sposa. In Francia nella regione della Provenza l’usanza è ancora un’altra: erbe e fiori di campo essiccati trovano largo impiego nel bouquet. Nei paesi di lingua tedesca il fiore delle spose è invece il mirto, preso in prestito dalla tradizione dell’antica Grecia, dove questo fiore era considerato sacro alla dea dell’amore Afrodite. Gli americani che sono sempre un po’ più stravaganti dei “vecchi” europei sono soliti accompagnare il mazzo di fiori della sposa con un altro identico bouquet realizzato in seta.
Nel procedere agli addobbi con i fiori per il matrimonio ci va comunque sempre un certo criterio e buon senso. Se la chiesa è poco illuminata sono preferibili allestimenti colorati. Una cattedrale richiede addobbi classici in grado di esaltare gli spazi. Al contrario una minuscola chiesetta di campagna priva di arredi importanti ed inondata di sole sarà valorizzata da piccole ciotole sull’altare e lungo la navata che non intralcino i movimenti delle persone o da modesti mazzi di fiori disposti all’inizio di ogni panca. Per una grande ed ultramoderna chiesa cittadina è invece necessario conoscere quali siano i punti che potrebbero trarre vantaggio da composizioni di dimensioni più significative.


Scegliete con alcuni mesi di anticipo il fioraio di fiducia che saprà esprimere al meglio e secondo i vostri gusti, tramite l’allestimento dei fiori per il matrimonio, la sua capacità artistica e professionale.


Le rigide regole della tradizione imponevano fiori per il matrimonio di colore bianco. Ormai questo dictat un po’ desueto va ormai scomparendo, per lasciare il posto al colore e alla fantasia anche attraverso l’utilizzo di materiali un po’ insoliti e innovativi. In casa sarà sufficiente disporre addobbi nei punti strategici, per rendere l’ambiente gioioso e fresco, lasciando le composizioni più importanti per la chiesa.
Se volete seguire gli ultimi dettami più trendy dal sapore leggermente new age potrete ricorrere ad addobbi che esaltino l’olfatto attraverso l’aroma terapia in un vero percorso dei sensi. Fin dall’antichità le cerimonie più importanti erano accompagnate dagli aromi di resine, legni, erbe, e spezie bruciati come se fossero incenso. In queste pratiche non vi è alcuna superstizione, ma è anzi dimostrato che gli odori sono in grado di fermare i ricordi e le emozioni. Queste tradizioni sono state di recente attualizzate e impiegate in luoghi di feste e cerimonie per portare positività e armonia, dando vita a contesti coinvolgenti e molto caratterizzati grazie a una scenografia fondata sui profumi. Per un vero e proprio matrimonio dei sensi, il profumo delle essenze può essere emanato attraverso semplicissimi diffusori in ceramica oppure diluendo l’essenza nell’acqua (l’ideale nel caso in cui doveste organizzate il vostro ricevimento in un giardino, le fontane sono la scelta migliore in assoluto). Potete mescolare più aromi per ottenere una “miscela” ad hoc che da quel momento sarà inscindibilmente legata al vostro matrimonio. Nulla vieta poi di regalarne un flaconcino agli invitati: poche gocce del prezioso concentrato saranno sufficienti per farvi ricordare e per rivivere la magia di un giorno speciale e indimenticabile. Questo tipo di “scenografie olfattive” si prestano bene per ricevimenti estivi in borghi medioevali, parchi o giardini.


I più esperti cercano sempre di esaudire i desideri degli sposi con creazioni di fiori per il matrimonio che esprimano personalità e stile per una vera e propria cerimonia da favola.


Un mondo di sensi, amore e atmosfere non è un lusso irraggiungibile, ma un sogno realizzabile. Gli allestimenti realizzati tramite fiori per il matrimonio sono frutto di ricerca ed accuratezza per ogni particolare, assemblando tra loro tutte le risorse che la natura propone. Ecco allora una rosa abbinata ad un nocciolo contorto oppure un orchidea accoppiata a spezie come cannella, arancia e vaniglia. I fiori freschi possono essere abbinati con gusto e raffinatezza anche a elementi artificiali quali ad esempio fili di rame, zinco o acciaio, magari scelti ad hoc e cuciti su misura sui desideri degli sposi per coppie un po’ stravaganti che amano il design del giorno d’oggi. Per gli amanti del lusso: gemme, perle e cristalli, punti luci e candele abbinate ai fiori.
Naturalmente vengono svolti dei sopralluoghi in chiesa e ad ogni scena si adattano le composizioni secondo l’architettura e il design della location. Niente composizioni a ventaglio ormai superate, ma composizioni di forme diverse: cuori, sfere, piramidi o cubi che valorizzano l’armonia e la naturalezza del fiore così come si presenta in natura. A volte, poi, fiori per il matrimonio insoliti, come la gipsofila, usata un tempo come tappabuchi, possono diventare protagonisti assoluti degli allestimenti. Il bouquet, dettaglio fondamentale dell’abito, è interpretato in chiave più moderna: è come un vero e proprio accessorio, tondo o cascante, a forma di borsetta, bracciale o polsino, a scettro o strascico. La Mimosa ha un pensiero anche per i testimoni e le damigelle con delle vere e proprie piccole opere d’arte.
Molti fioristi fanno della creatività il punto forte dei propri allestimenti, che vedono protagonisti materiali trasparenti come il vetro o tecnologici tipo alluminio e acciaio. In chiesa le composizioni vengono adagiate su supporti di alluminio stilizzato o addirittura si possono creare “gomitoli” di varia forma e dimensione, in alluminio o ferro, nei quali si intrecciano successivamente le corolle e i fogliami. Altra soluzione molto d’effetto è quella di utilizzare cubi, parallelepipedi in lamiera zincata diversa altezza e dimensione per ambientare ed appoggiare le creazioni floreali. Per i centrotavola composti da diversi contenitori in vetro contenenti acqua con candele o fiori galleggianti con eventuali decori o legature in fili di alluminio.
Molto trendy gli allestimenti con composé di scatole di tessuto, di metallo o carte preziose di diversa foggia e dimensione che contengono fiori, bacche e fogliami, abbinati magari a filati di lana o ciniglia colorati, come elementi di rifinitura per personalizzare il bouquet e i centrotavola Infine, spazio alla tecnologia ultramoderna, con led luminosi e fibre ottiche in luogo delle più tradizionali candele, molto utilizzate sulle tavole o per la decorazione della mise en place al ricevimento.

Scritto il: 19-08-2014 - letto 995 volte