0
96764
open Le tue nozze
Jackie's Wedding Blog Title
Approfondisci:

Luna di miele zen: i consigli delle agenzie viaggi di Torino per scoprire il Giappone della tradizione

Dal soggiorno in alberghi tradizionali, alla "cucina di Kyoto", dal bagno nelle acque termali alla cerimonia del tè. Non lasciatevi sfuggire le esperienze imperdibili consigliate dalle agenzie specializzate in viaggi di nozze di Torino per una luna di miele romantica nel Giappone zen, tra templi antichi e villaggi senza tempo
Luna di miele zen: i consigli delle agenzie viaggi di Torino per scoprire il Giappone  della tradizione
Arrivati a Tokyo non potrete fare a meno di notare il contrasto fra una tradizione millenaria e la frenesia della modernità e dell’avanzamento tecnologico.
Ma come fare ad immergersi nelle atmosfere zen? Esistono luoghi ed esperienze da vivere e conoscere per entrare davvero nelle suggestioni che il Giappone da sempre trasmette nel nostro immaginario occidentale.
Ecco alcune tra le più suggestive esperienze suggerite dalle migliori agenzie specializzate in viaggi di nozze di Torino per farvi vivere il Giappone in tutta la sua atmosfera zen.

Anche in luna di miele scegliete di alloggiare in un ryokan, un albergo tradizionale giapponese.


Questi alberghi sono luoghi molto caratteristici anche negli arredi, con i pavimenti rivestiti dal tatami e caratterizzati dalla presenza a centro stanza di un basso tavolino su cui mangiare seduti su grandi cuscini, in perfetto stile orientale.
I letti futon di giorno sono riposti nell’armadio e di notte vengono sistemati sul tatami dalla cameriera.
In un angolo vi è una nicchia nel muro, il tokonoma, dedicata alla meditazione e alla ricerca dell’armonia, nella quale troverete una stampa d’arte calligrafica e un’ikebana, la tradizionale composizione floreale, nella quale i rami vengono disposti secondo i dettami zen del wabi sabi.
Potrete girare per l’albergo in abiti tradizionali, kimono per le donne, yukata per gli uomini, e indossare gli zori, i tipici sandali in legno.

Presso i ryokan, o in altri ristoranti, non perdete l’occasione di degustare una cena kaiseki, nella quale si servono i piatti della tradizione giapponese in piccoli piatti disposti in modo artistico.
La grande ricerca di armonia dei gusti, si coniuga allo studio degli abbinamenti di colori e decorazioni.
Vengono utilizzati principalmente piatti freschi e solo locali.
Nella presentazione delle pietanze viene enfatizzato il tema stagionale e l’aspetto degli ingredienti.
Gli ornamenti sono solitamente realizzati con fiori o contorni e disposti in forma di piante o animali.
Tradizionalmente la cena kaiseki era composta da un piatto e tre contorni, che oggi compongono il “set”, la base di un pasto comune giapponese.
Si troverà nella degustazione sushi, sashimi, verdure servite con carne, pesce e tofu, riso condito secondo stagione, verdure di stagione, zuppa di miso, dolci tradizionali, frutta e crema ghiacciata.
Questo tipo di degustazione non è particolarmente economica, e come già detto, è una proposta tipica dei ryokan e in alcuni piccoli ristornati tradizionali.
Se volete essere certi di trovare un luogo dove poter fare questa esperienza culinaria, Kyoto è la città perfetta, anche perché questo stile di gastronomia si definisce “cucina di Kyoto”, a sottolinearne l’appartenenza.

 

Immergetevi poi in un onsen, una sorgente termale.
Il Giappone conta più di tremila bagni tradizionali, data la loro antichissima origine e il significato quasi sacro


I bagni termali sono generalmente situati fuori città, e frequentati da coppie e famiglie alla ricerca di un momento di relax, lontano dalla frenesia della metropoli.
Sono tradizionalmente all’aperto, anche se molti alberghi offrono la possibilità di un bagno rilassante in vasche interne.
L’acqua calda è di origine naturale, riscaldata da fenomeni di natura vulcanica, al contrario delle acque dei sentò, bagni cittadini, dove l’acqua è prelevata dai bacini idrici e poi riscaldata.


Le vasche sono rivestite in legno di cipresso, marmo e granito, e ciascuna può contenere acqua dalle proprietà minerali diverse.
Fino all’inizio del ventesimo secolo uomini e donne si immergevano nelle stesse vasche, mentre ora esistono polle riservate alle donne.


Esiste un rigido galateo per gli avventori di questi tradizionali luoghi. Dovranno lavarsi accuratamente, e in alcuni onsen non è concesso l’ingresso in acqua con il costume poiché tutto il corpo necessita di essere purificato dalle acque termali, e i tessuti possono contaminare acque pure.
Per lo stesso motivo si sconsiglia di entrare in vasca coperti da asciugamani.


Gli onsen sono luoghi di relax e perfino di meditazione. Ai clienti si richiede di conversare in modo tranquillo, senza recare disturbo agli altri visitatori presenti.
Tuttavia la vivacità e l’irrequietezza dei bambini è ben tollerata dai gestori e dai clienti.



La Cha No Yu, la cerimonia del tè, è un’attività culturale ma soprattutto un momento meditiativo-religioso, tanto che un detto zen dice: “tè e zen unico sapore”.


La cerimonia si svolge nella stanza del tè, alla quale si accede tramite una piccola porta.
Questa è talmente bassa da richiedere di inchinarsi, in segno di rispetto e devozione verso il luogo.

I pavimenti sono in tatami e le finestre sono oscurate per permettere l’ingresso di luce filtrata e donare alla sala un’atmosfera davvero suggestiva.
Sono quattro i cardini fondanti della cerimonia: armonia, rispetto, purezza e tranquillità.
Il rigoroso cerimoniale e frasario codificato evoca ciascun concetto.
Tutti i partecipanti dovranno rispettare i precetti del tiro per non contravvenire alle regole imposte dalla cerimonia.

I maestri preparano e servono il tè in pregiate tazze tradizionali, smaltate e decorate con tipici decori dai significati religiosi.
Infine offrono il tè, secondo galateo, accompagnato da cibo e dolcetti che possono essere degustati utilizzando le bacchette in legno.

Il panorama del Monte Fuji, gli spettacoli di teatro tradizionale, la fioritura dei ciliegi, la visita ai templi di Kyoto, e molti altri itinerari vi trasporteranno nelle atmosfere zen e antiche del Paese dalle mille tradizioni, che sembra viaggiare a due velocità: lo sviluppo tecnologico e futurista, senza perdere mai lo sguardo sulla tradizione e la sacralità dei luoghi e della storia.
Scritto il: 07-01-2019 - letto 49 volte
Blog

Tante idee per le bomboniere a Torino

Per le spose che non hanno ancora deciso quale cadeau dedicare ai propri ospiti, può essere d'aiuto una piccola statistica sulle bomboniere Torino.

Blog

3 Ponti di Torino, scorci suggestivi per le foto ricordo del vostro matrimonio

Il ponte unisce le sponde opposte che, metaforicamente, rappresentano le anime dei due sposi: impiegarlo durante il servizio fotografico delle nozze a Torino è un tocco di classe