0
61449
open Le tue nozze
Approfondisci:

L’uomo trendy che punta tutto sugli accessori del suo abito da sposo

L’uomo trendy che punta tutto sugli accessori del suo abito da sposo
Sapienti scelte negli accessori con un tocco di stravaganza su tagli molto lineari e giacche slim, per abiti realizzati in tessuti innovativi semi lucidi, strizzando l’occhio al gessato e al contrasto di colore fra gilet e abito
Una sorta di vero e proprio dandy trasportato nel nuovo millennio e sempre in equilibrio fra distinzione, classe, originalità ed eleganza a proprio agio in abiti sofisticati e sartoriali che disegnano la silhouette e che non disdegnano qualche dettaglio fuori dagli schemi: l’abito da sposo che guarda allo stile moderno si ispira a queste tendenze.

Il gessato diventa protagonista dell’abito da sposo grazie alla sua incredibile versatilità.


Tra i tessuti per l’abito da sposo continua a primeggiare la pura lana vergine a trame diverse in misto seta nelle tonalità dal blu, al nero, al grigio, in tutte le sfumature, ma dalle passerelle fanno capolino anche soluzioni insolite un po’ fuori dagli schemi, quale ad esempio il gessato interpretato in diversi modi e che assume nuove connotazioni, soprattutto se reso elegante da alcuni dettagli: un semplice fazzoletto bianco che spunta dal taschino o tagli sciancrati per giacche monopetto a uno o due bottoni e con righe comunque sempre molto discrete e appena percettibili.
Il gessato si sposa anche con abiti grigio chiaro di fresco lana, particolarmente originali grazie ad un leggerissimo e appena accennato bordo bianco sui revers della giacca e a sottolineare i profili delle tasche, riprendendo lo stesso colore della camicia e in contrasto con un plastron grigio chiaro di seta impreziosito da un punto luce.
Altra soluzione leggermente stravagante è il gessato grigio chiaro su tessuto semi lucido, in abbinamento a gilet panna e camicia bianca e giacca ad un bottone e cravatta regimental panna e grigia o ancora, il gessato appena accennato su un tessuto grigio fumo, gilet e camicia bianca con cravatta grigio chiaro.

Spesso a fare la differenza sono proprio dettagli all’apparenza banali o dati per scontati, come la cravatta, ma che, se letti in modo diverso, danno nuova vita ad un abito da sposo classico.


La cravatta è sempre la co-protagonista dell’abito da sposo, soprattutto se realizzata da un vero e proprio sarto o dagli artigiani napoletani che in questo settore sono degli autentici maestri: tessuti, tagli, dettagli, tipo di stiratura, tutto conta per fare di questo accessorio un pezzo unico segno di distinzione. Che ne pensate di dare un tocco di stravaganza alla vostra mise, scegliendo, ad esempio, una cravatta con fantasie particolari? Piccoli fiorellini su sfondo cobalto oppure cerchi ed esagoni alternati su giallo canarino o addirittura arancio e fragola a patto che ovviamente la camicia sia bianca e l’abito rigorosamente scuro e in tinta unita.
Altra variante è la cravatta con fondo in tinta unita e fantasie geometriche un po’ più grandi ton sur ton ma anche in questo caso la parola d’ordine è sobrietà per tutto il resto del completo, solo il gilet può essere della stessa tonalità del fondo della cravatta e comunque di una gradazione più chiaro o più scuro di quella dell’abito.
A volte i dettagli sono veri e propri gioielli quali spilloni o punti luce sulla cravatta o fasce alla cintura che prendono il posto del gilet e sempre restando in tema di stravaganza lo sposo si troverà a suo agio anche in capi bordeaux, marrone scuro o bronzo abbinati a cravatte in tinta unita, o in delicate sfumature argentee in tessuti leggermente operati.

Infine, non dimenticate i gemelli per il vostro abito da sposo, debitamente abbinati all’orologio da polso.


L’abito da sposo moderno richiede gemelli esclusivi dalle forme e materiali particolari, talvolta impreziositi da diamanti e pietre preziose che vanno portati esclusivamente su camicie con polsino doppio. Invece di due bottoni ovali, quelli moderni hanno un solo bottone per il lato esterno ed un meccanismo snodabile per il lato interno, realizzati essenzialmente in oro e argento ma anche in acciaio e pietre preziose o semi preziose, punti luce o cristalli Swarowski.
Tra le migliori marche che realizzano gemelli davvero esclusivi ci sono Cartier, Damiani, Montblanc e Patek Philippe: così mentre va per negozi la sposa avrà una buona scusa per mettere mano al portafoglio e fare un gradito regalo al suo lui, ma questo compito potrebbe spettare anche ai suoceri.
Tra le fogge proposte da questi atelier ci sono tartarughe in onice nero su montatura in oro bianco e sulle barrette incastonati zaffiri o rubini oppure in onice nero e madreperla o a forma di scarabeo, di confetto o addirittura a forma di cuore di un fiammante rosso ciliegia o realizzati in semplici bottoni tempestati di brillanti lungo la circonferenza. Per essere eleganti comunque, non è necessario indossare per forza gemelli di una grande marca, basta girare un po’ di gioiellerie, anche piccole botteghe di artigiani, per trovare ciò che fa al caso vostro fra una vasta scelta di gioielli dai tagli più tradizionali fino a quelli più creativi ed eccentrici.
Nella scelta dei gemelli ponete sempre, e comunque, un’attenzione particolare all’abbinamento cromatico con l’orologio: accoppiare materiali diversi (ad esempio oro e acciaio) non è molto indicato; e proprio l’orologio è un altro dettaglio in grado di conferire modernità ad un abito grazie alle diverse forme con cui è realizzato, da quelle più irregolari a triangolo, a quelle rettagolari allungate alle classiche tonde e quadrate.
Scritto il: 18-05-2016 - letto 434 volte