0
64667
open Le tue nozze
Approfondisci:

Protagonista per un giorno insieme ai novelli sposi: l’automobile da cerimonia

Protagonista per un giorno insieme ai novelli sposi: l’automobile da cerimonia
Se è vero che la sposa è la protagonista delle nozze, non le si può negare un arrivo degno di una prima attrice, con il noleggio di una romantica auto storica o di una scintillante fuoriserie il colpo di scena è assicurato
Tradizionalmente l’auto da cerimonia è quella di famiglia, di un amico o di un parente, abbellita da una composizione floreale sistemata sul lunotto posteriore e in sintonia con quelle della Chiesa ed il bouquet. Al volante potrà sedere un parente prossimo della Sposa, ad esempio un fratello, oppure un amico della coppia. Ma le coppie che curano meticolosamente anche l’effetto scenografico di un arrivo in Chiesa “a sorpresa” sempre più spesso si affidano ad agenzie specializzate che noleggiano autentici gioielli su quattro ruote, testimoni di fasti da belle époque o da dolce vita, spesso con autisti professionisti alla guida.
Occorre precisare subito che l’auto, sportiva, insolita o d‘epoca, va scelta secondo lo stile di tutta la cerimonia. L’auto dovrebbe restare a disposizione degli sposi fino a quando non lasceranno gli invitati per recarsi nella nuova casa o all’aeroporto, salvo accordi diversi col noleggiatore.

Molteplici sono le possibilità per i giovani sposi che, magari, desiderano un’auto da cerimonia in grado di distinguersi


Per un matrimonio giovane saranno adatte auto da cerimonia, quali una cabriolet, un maggiolone decapottato, una spiritosa cinquecento, se si preferisce uno stile più sobrio è possibile scegliere tra Mercedes, Jaguar, BMW. Valgono anche le tradizionali berline di rappresentanza, ammiraglie delle principali case, più comode, pratiche e, perché no, sicuramente meno formali per sposi che intendano festeggiare il proprio matrimonio in maniera legata indissolubilmente al “quotidiano”, purché siano modelli recenti e con perfetta carrozzeria ed interni di lusso, o perlomeno degni della cerimonia. Se l’abito della sposa è poco ingombrante sarà perfetta anche un’auto con l’abitacolo di piccole dimensioni, se invece si indossano volants e lunghi strascichi è consigliabile optare per un modello dagli ampi sedili, per evitare di entrare in Chiesa con gonne e pizzi rovinati da pieghe.

Una carrozza al posto di un’auto da cerimonia? Si può fare, soprattutto se siete degli inguaribili romantici


Per un matrimonio romantico, dal raffinato carattere retrò, dove i tragitti tra i luoghi della cerimonia siano naturalmente molto brevi, potrebbe rivelarsi adatta un’antica ed elegante carrozza scoperta, come nelle più belle fiabe a lieto fine, accompagnata da cavalli dal manto candido e, condotta da un esperto cocchiere in livrea e cilindro; è necessario però che tale carrozza possa in ogni modo chiudersi (opportunamente) in caso di pioggia od altre improvvise condizioni atmosferiche avverse, riparando in questo modo gli sposi.

Le vetture d’epoca sono un classico delle auto da cerimonia che non si smentisce mai


Per un matrimonio elegante e per i lunghi tragitti, le vetture da cerimonia più indicate rimangono in ogni caso le auto d’epoca che, conferiscono un vero tocco di classe per rendere ancora più memorabile l’entrata in scena dei due sposi protagonisti; la ragione risiede nel fatto che le stesse, risultano (rispetto alle altre), sufficientemente ampie per “ospitare” l’abito della sposa senza stropicciarlo troppo, rendendo poi, al tempo stesso, il matrimonio più suggestivo. Una bella auto d’epoca farà la sua bella figura: Jaguar, Rolls Royce, Bentley, rappresentano una scelta sicura, perché hanno saputo coniugare nel tempo la propria immagine agli eventi mondani ed alla “belle vie”. Non scordate che è buona norma arrivare in chiesa con stile sobrio, senza farsi annunciare da cori strombazzanti. Vanno limitati anche gli addobbi floreali ad un’unica composizione, senza eccedere in nastri, rasi, tulli e fiocchi che ottengono l’effetto di ridurre l’auto ad un immenso pacco regalo.
Scritto il: 08-07-2016 - letto 434 volte