0
78032
open Le tue nozze
Approfondisci:

Un abito da sposa ispirato al mondo delle favole: romantico ed elegante

Un abito da sposa ispirato al mondo delle favole: romantico ed elegante
All’altare arriva Cenerentola fra pizzi e decori, nuvole di tulle, velo e strascico proprio come una vera principessa: è una sposa romantica che veleggia tra eleganza, lusso e bellezza che verrà apprezzata da tutti
Abiti da sposa con gonne ampie e fluttuanti, piccoli accenni di strascico, drappeggi, decori e applicazioni preziose, tessuti dalla trama elaborata... e lo stile romantico.
Per le spose che intendono vivere una vera e propria favola nel giorno più importante, sempre in auge l’intramontabile abito da sposa in stile principessa. Questo tipo di vestito è caratterizzato, generalmente, all’abbinamento fra corpetto (che può essere steccato oppure no) con gonne ampie e vaporose. Il corpetto di un abito da sposa in stile romantico può essere molto elaborato o tempestato di dettagli gioiello, cristalli o applicazioni di fiori di stoffa: in questo caso la gonna sarà molto semplice e priva di orpelli. Viceversa, in caso di bustier lisci si potrà giocare con drappeggi e sovrapposizioni sulle gonne, il cui volume può essere amplificato da importanti sottogonne. Se l’intero abito è molto semplice e liscio, lo stile principesco di questo tipo di abito da sposa può essere esaltato da un velo o uno strascico molto prezioso, magari in tulle con decori di cristalli o in elegantissimo e pregiato pizzo chantilly.

Leggera ed elegante la sposa principessa indossa con disinvoltura sete e rasi ricercati fra nuvole di tulle e drappeggi.


Dalle sete lavorate ai ricami eleganti fino ai pizzi raffinati evitando eccessi nei drappeggi e nelle decorazioni. Con l’abito da sposa romantico i tessuti ricercati e strutturati non possono mancare sui bustini, così come tulle e organze la fanno da padrone per gonne e sottogonne, cercando di evitare comunque l’antiestetico “effetto panna montata”.
Via libera dunque a georgette, chiffon, e cady (anche con sottili lavorazioni in lana per la stagione fredda) ma anche a georgette e satin in seta o cotone. Per abiti molto imponenti e drappeggiati si addicono il mikado (un raso giapponese piuttosto consistente) e il taffetà. Per le gonne leggere, vaporose e fluttuanti vanno bene il tulle, l’organza madreperlata e il voile, tessuto che può essere realizzato in seta, lana e cotone e si addice più che altro per le sottogonne dando l’idea di volume e leggerezza.
In un abito romantico a far la differenza sono talvolta anche i dettagli e decori quali ad esempio applicazioni di rose in stoffa o dalle dimensioni maxi da cui far partire un drappeggio oppure una spallina ricamata o con fili di perle per una sposa romantica e bon ton allo stesso tempo.

Luminoso ed elegante: anche nel grande giorno il diamante resta il migliore amico di una principessa.


Un filo di perle, un punto luce, un pendente discreto oppure orecchini di diamanti o con pietre intonate al colore dell’abito. Quando la sposa romantica sceglie i gioielli il filo conduttore da seguire è quello della sobrietà.
Evitate gioielli in formato maxi o improbabili parure in stile diva del passato o volgari imitazioni: il gioiello del grande giorno deve essere autentico. Piuttosto puntate solo su orecchini o sulla collana anche per evitare l’effetto dama ammantata di luce.
Se avete scelto un abito a bustier con collo e spalle scoperte andrà bene un intramontabile filo di perle magari con chiusura gioiello oppure un discreto punto luce di diamanti. Se la scollatura è invece profonda si può scegliere un pendente con catena medio lunga: una perla con brillante, un cuore sempre di brillanti, un diamante a goccia. Se l’abito è con scollatura all’americana o se sul corpetto abbondano ricami e pizzi, meglio puntare su un discreto paio di orecchini in oro bianco e diamanti che ingentiliscono il viso anche in caso di pettinature raccolte o di capelli corti.
Il look della sposa romantica può essere corredato da un paio di guanti in raso fino al gomito o da una stola di pelliccia nella stagione invernale.
Scritto il: 26-04-2017 - letto 711 volte