0
16387
open Le tue nozze

Castello bolognini

Piazza Bolognini, 226866 Sant-angelo-Lodigiano (LO) Mostra telefono
Capienza  260
Mappa Recensioni 

Sorto nel XIII secolo, sulle sponde del fiume Lambro in posizione strategicamente favorevole per il controllo del traffico fluviale verso Milano, il Castello di Sant’Angelo è stato realizzato secondo l’architettura militare lombarda, a pianta quadrilatera e torri angolari. Da struttura militare della Signoria di Milano, fu trasformato in dimora estiva da Regina della Scala, moglie di Bernabò Visconti, la quale, nel 1383 fece costruire la torre Mastra e aprire le belle finestre a bifora, con una spesa di 100.000 fiorini d’oro, come documentato dalle cronache del tempo. Nel 1452, con il passaggio del potere del ducato di Milano dai Visconti agli Sforza, il feudo e il Castello furono donati, da Francesco Sforza, a Michele Matteo Bolognini, che ricevette in quell’occasione il titolo di Conte. Negli anni successivi il Castello visse il susseguirsi delle vicende politiche e militari che hanno interessato la Regione Lombardia. La proprietà rimase comunque della famiglia Bolognini sino all’ultimo discendente, il conte Gian Giacomo Morando Bolognini, il quale, all’inizio del 1900, realizzò importanti opere di restauro. Nel 1933, la contessa Lydia Caprara Morando Bolognini, vedova del Conte Gian Giacomo Morando Bolognini, creò a nome e ricordo del marito, la Fondazione Morando Bolognini con finalità di ricerca e divulgazione in agricoltura e destinò il Castello a Museo.

Preventivo personalizzato* Campi Obbligatori
Tutti i campi sono obbligatori




Scheda completa

Tipologia della struttura:
castello
Giorno di chiusura:
Lunedì
Orari di apertura:
08.30 - 12.30 / 14.00 - 18.00
Note:
Sorto nel XIII secolo, sulle sponde del fiume Lambro in posizione strategicamente favorevole per il controllo del traffico fluviale verso Milano, il Castello di Sant'Angelo è stato realizzato secondo l'architettura militare lombarda, a pianta quadrilatera e torri angolari. Da struttura militare della Signoria di Milano, fu trasformato in dimora estiva da Regina della Scala, moglie di Bernabò Visconti, la quale, nel 1383 fece costruire la torre Mastra e aprire le belle finestre a bifora, con una spesa di 100.000 fiorini d'oro, come documentato dalle cronache del tempo. Nel 1452, con il passaggio del potere del ducato di Milano dai Visconti agli Sforza, il feudo e il Castello furono donati, da Francesco Sforza, a Michele Matteo Bolognini, che ricevette in quell'occasione il titolo di Conte. Negli anni successivi il Castello visse il susseguirsi delle vicende politiche e militari che hanno interessato la Regione Lombardia. La proprietà rimase comunque della famiglia Bolognini sino all'ultimo discendente, il conte Gian Giacomo Morando Bolognini, il quale, all'inizio del 1900, realizzò importanti opere di restauro. Nel 1933, la contessa Lydia Caprara Morando Bolognini, vedova del Conte Gian Giacomo Morando Bolognini, creò a nome e ricordo del marito, la Fondazione Morando Bolognini con finalità di ricerca e divulgazione in agricoltura e destinò il Castello a Museo.
Servizi Offerti:
Il Castello Bolognini dispone di alcuni imponenti spazi espositivi per convegni, riunioni, matrimoni e manifestazioni in genere. Sale del Presidio:
situate a piano terra, con accesso dal Cortile maggiore del castello, le sei sale sono particolarmente ampie, ideali per mostre e allestimenti in genere. Recentemente sono state restaurate e dispongono di un moderno impianto di illuminazione e riscaldamento. Salone dei Cavalieri: situato al primo piano del Castello, il Salone si affaccia con quattro eleganti bifore sul Cortile maggiore, con accesso dallo Scalone di rappresentanza. L'ambiente, caratterizzato da un soffitto con travatura in legno, pavimento in cotto e pareti con mattoni "a vista", è particolarmente suggestivo e adatto a incontri di particolare prestigio. Altri spazi utilizzabili: cortile maggiore (mq. 600)
e salone dei Cancelli (mq. 200).
Capienza totale:
260
Composizione delle sale:
(1x150) (1x110)
Ubicazione:
Come arrivare. In auto: da Milano tangenziale est, uscita Opera Val Tidone - SS 412, da Lodi: SS 235, da Pavia: SS 235, da autostrada: A1 uscita Lodi, poi SS 235 per Sant'Angelo Lodigiano, da autostrada A21 (Piacenza-Torino): uscita Castel San Giovanni. Mezzi pubblici: da Milano, metropolitana M3, fermata San Donato e bus linea Sila, da Lodi: Stazione FS, bus linea STAR. Aeroporto più vicino: Milano-Linate.
Spazio per servizi fotografici:
SI
Parcheggio:
NELLE VICINANZE
Accessi per disabili:
Come da norma
Servizi compresi nel prezzo:
Predisposizione musica
Fonte: Sito web operatore
Ultimo aggiornamento: venerdì, 14 febbraio, 2014

Mappa

Scrivi una recensione

Devi essere un utente registrato per poter inviare una recensione. Accedi o Registrati per accedere a tutti i vantaggi del sito
Blog

Contrattempo da matrimonio? Esiste una soluzione ad ogni imprevisto... anche per il grande giorno

Testimoni che dimenticano le fedi, bambini chiassosi, animali inopportuni. Non si può prevedere tutto ciò accadrà il giorno delle nozze, ma ad alcuni imprevisti si può rimediare per tempo

Blog

Abiti da sposa backless. Sempre più spose cercano l’abito scollato sulla schiena

News-Trend: l’abito da sposa che mette in mostra la schiena, nuda o coperta da un velo trasparente. Le future sposine di Torino lo scelgono per sentirsi sexy e raffinate.