0
30822
Mautic Tags
^ modifica parametri ricerca

L'accademia

Lungomare Cicerone, 89 - Località Lazzaro89062 Motta San Giovanni (RC) Mostra telefono 0965.714132
Sconto  null
Mappa
  • L\'accademia

Prima di iniziare il giro di risalita che la penisola Italiana intraprende nei pressi dell’Ultimo Faro d’Italia, il promontorio di Capo D’Armi, l’antica Leucopetra, sul lungomare di Lazzaro, nella parte di mare Ionio che separa la Calabria dalla Sicilia, dove il panorama offre uno spettacolo unico della costa nisseno-catanese, con sullo sfondo l’imponente Vulcano dell’Etna, sorge il Ristorante L’Accademia, ospitato nello Splendido Palazzo della Castelluccia, un piccolo Castello dell’800. La struttura si compone di una parte centrale su tre livelli e di una laterale su un unico livello, edificata in caratteristici mattoni di terracotta provenienti dalle fornaci di Lazzaro. L’interno è costituito da due sale: una elegante per ricevimenti e banchetti, con capitelli, colonne e travi che richiamano i templi della Magna Grecia con una illuminazione che la rende magica facendovi immergere nell’antichita ed una antica, ricavata in quello che era in origine il deposito, con archi e pilastri in mattoni a vista. Filippo Cogliandro è il Manager Executive Chef del ristorante, Vincenzo Vigliarolo è il suo Executive Chef, Demetrio Albano il Maitre. L’Accademia nasce nel 1995 come ristorante su prenotazione, per onorare un personaggio vissuto a Lazzaro negli anni settanta, pittore di corte di Re Baldovino del Belgio, Jim Jansen. E’ proprio a Lazzaro che Jim s’innamora dei colori forti dei paesaggi che richiamano le tecniche della scuola fiamminga e decide, essendo architetto, di farsi costruire una villetta immergendola nel verde con un ambiente semplice e raffinato, luogo dove sorgeva in precedenza l’accademia. Dal gennaio del 2004, l’accademia si trasferisce nell’antico “Palazzo della Castelluccia”. Perché proprio questo nome l’accademia, abbinato ad un Ristorante? Perché negli anni ’70, Jim Jansen apre la sua “Accademia di pittura” ma in un paese come Lazzaro, all’apoca povero culturalmente ed economicamente, la sua scuola ha poca fortuna e la difficoltà di poter trasmettere l’arte a qualcun altro, fa scattare in Jim Jansen una produzione esagerata di opere d’arte che coinvolgono a tal punto Filippo tanto da spingerlo in quel fantasioso mondo. Ma ahimè il nostro Filippo non riesce ad esprimere creatività sui quadri e involontariamente, preparando delle piccole cenette per gli amici, inserendo estro e fantasia, si scopre artista della cucina. Da qui l’idea del ristorante e la scelta del nome: Jansen faceva arte con i suoi quadri di pittura, Filippo con i suoi piatti. Il tempo ha completato “l’opera”: corsi di cucina con i più grandi maestri della ristorazione, spesso in giro alla ricerca del gusto e della creatività. “Amo lavorare con le mani e l’immaginazione, i miei piatti non sono soltanto un connubio perfetto di gusti e di sapore, ma sono anche bellissimi dal punto di vista scenografico… sono da “Accademia”. Filippo Cogliandro

Preventivo personalizzato* Campi Obbligatori

    Tutti i campi sono obbligatori




    Scheda completa

    Nome del responsabile:
    Filippo Cogliandro Manager Executive Chef
    Appuntamento:
    Gradito
    Giorno di chiusura:
    MartedÌ e mercoledÌ mattina (in estate sempre aperto)
    Orari di apertura:
    11.00-15.00/18.30-23.30
    Note:
    Prima di iniziare il giro di risalita che la penisola Italiana intraprende nei pressi dell'Ultimo Faro d'Italia, il promontorio di Capo D'Armi, l'antica Leucopetra, sul lungomare di Lazzaro, nella parte di mare Ionio che separa la Calabria dalla Sicilia, dove il panorama offre uno spettacolo unico della costa nisseno-catanese, con sullo sfondo l'imponente Vulcano dell'Etna, sorge il Ristorante L'Accademia, ospitato nello Splendido Palazzo della Castelluccia, un piccolo Castello dell'800. La struttura si compone di una parte centrale su tre livelli e di una laterale su un unico livello, edificata in caratteristici mattoni di terracotta provenienti dalle fornaci di Lazzaro. L'interno è costituito da due sale: una elegante per ricevimenti e banchetti, con capitelli, colonne e travi che richiamano i templi della Magna Grecia con una illuminazione che la rende magica facendovi immergere nell'antichita ed una antica, ricavata in quello che era in origine il deposito, con archi e pilastri in mattoni a vista. Filippo Cogliandro è il Manager Executive Chef del ristorante, Vincenzo Vigliarolo è il suo Executive Chef, Demetrio Albano il Maitre. L'Accademia nasce nel 1995 come ristorante su prenotazione, per onorare un personaggio vissuto a Lazzaro negli anni settanta, pittore di corte di Re Baldovino del Belgio, Jim Jansen. E' proprio a Lazzaro che Jim s'innamora dei colori forti dei paesaggi che richiamano le tecniche della scuola fiamminga e decide, essendo architetto, di farsi costruire una villetta immergendola nel verde con un ambiente semplice e raffinato, luogo dove sorgeva in precedenza l'accademia. Dal gennaio del 2004, l'accademia si trasferisce nell'antico "Palazzo della Castelluccia". Perché proprio questo nome l'accademia, abbinato ad un Ristorante? Perché negli anni '70, Jim Jansen apre la sua "Accademia di pittura" ma in un paese come Lazzaro, all'apoca povero culturalmente ed economicamente, la sua scuola ha poca fortuna e la difficoltà di poter trasmettere l'arte a qualcun altro, fa scattare in Jim Jansen una produzione esagerata di opere d'arte che coinvolgono a tal punto Filippo tanto da spingerlo in quel fantasioso mondo. Ma ahimè il nostro Filippo non riesce ad esprimere creatività sui quadri e involontariamente, preparando delle piccole cenette per gli amici, inserendo estro e fantasia, si scopre artista della cucina. Da qui l'idea del ristorante e la scelta del nome: Jansen faceva arte con i suoi quadri di pittura, Filippo con i suoi piatti. Il tempo ha completato "l'opera": corsi di cucina con i più grandi maestri della ristorazione, spesso in giro alla ricerca del gusto e della creatività. "Amo lavorare con le mani e l'immaginazione, i miei piatti non sono soltanto un connubio perfetto di gusti e di sapore, ma sono anche bellissimi dal punto di vista scenografico... sono da "Accademia". Filippo Cogliandro
    Servizi Offerti:
    Nei ricevimenti il menù viene curato personalmente dal Manager Executive Chef Filippo Cogliandro e vengono proposti piatti semplici, provenienti dal territorio e a base di prodotti genuini doc, ma allo stesso tempo raffinati, qualitativamente alti e naturalmente personalizzati alle esigenze dell'avento. Tutto è organizzato alla perfezione, e ciò che ci differenzia dagli altri, oltre alla qualità delle pietanze è la validità del servizio offerto; infatti è proprio in momenti particolari, come il giorno delle nozze, che si ha bisogno di assistenza capillare per la cura dei minimi dettagli. In occasione delle cerimonie vengono offerti diversi servizi tra i quali: la vettura per il trasferimento degli sposi, completa di autista e hostess; gli addobbi floreali; l'aventuale piano-bar e il servizio sommelier, con una lista dei vini composta da oltre 190 etichette, di tutte le regioni italiane ed etichette di vini provenienti dall'astero.
    Sconto GuidaSposi:
    Se ti presenti a nome di GuidaSposi potrai usufruire del null di sconto sulla totalità dei servizi acquistati per il tuo matrimonio
    Fonte: OPERATORE
    Ultimo aggiornamento: giovedì, 23 Aprile, 2015

    Mappa

    Scrivi una recensione

    Devi essere un utente registrato per poter inviare una recensione. Accedi o Registrati per accedere a tutti i vantaggi del sito
    Blog

    Contrattempo da matrimonio? Esiste una soluzione ad ogni imprevisto... anche per il grande giorno

    Testimoni che dimenticano le fedi, bambini chiassosi, animali inopportuni. Non si può prevedere tutto ciò accadrà il giorno delle nozze, ma ad alcuni imprevisti si può rimediare per tempo

    Blog

    Misure perfette per l’abito da sposo XXL? Consigli per lo sposo che non rientra nelle taglie ordinarie

    Il giorno delle nozze si avvicina ed un incubo in particolare vi tormenta: attendere la vostra sposa all’altare bella come una dea con indosso un abito che, in confronto, vi fa sembrare dei sacchi di patate